annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Viaggi e paesaggi amati

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da Uncle Scrooge Visualizza il messaggio
    boh onestamente mi sembrano i soliti allarmi della farnesina
    cioé non lo definirei un paese "pericoloso" sebbene é chiaro che lo sia piú della danimarca xD peró onestamente da qui a definirlo insicuro, almeno le zone che ho frequentato io, ce ne vuole
    Dove hai alloggiato? Intendo come ubicazione geografica e tipologia di struttura. Conoscendoti non credo tu sia tipo da 5 stelle.
    "Per me".

    Commenta


    • Mi rincuora ciò che dici perché prima o poi vorrei visitarle, ma magari prima aspetto che i bimbi crescano un pochino.
      "Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi: navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione...E ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser...E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia... E' tempo di morire"

      Commenta


      • Originariamente inviato da spiderman2707 Visualizza il messaggio
        Dove hai alloggiato? Intendo come ubicazione geografica e tipologia di struttura
        allora io in genere viaggio con Avventure nel Mondo quindi sono soluzioni spartane ma non troppo, peró questo viaggio sarebbe potuto risultare abbastanza intenso per chi non é abituato
        tutti ostelli abbastanza basic (intorno ai 20 euro a notte per la doppia) ma dotati almeno di ventilatore e generalmente zanzariere, rispettivamente:
        2 notti a Sabang (Bambua Nature Cottages): camere doppie e singole, bagni in comune - struttura molto carina, defilata dal villaggio e immersa nel verde
        4 notti a El Nido (Green View Paradise Inn): camere doppie e singole, bagni privati - questo il peggiore, gestione molto improvvisata e approssimativa (ma comunque gentilissimi), igiene precaria
        2 notti a Port Barton (Gerbise Pension House): camere doppie e quadruple, bagni privati - molto carino e semplice, in paese e a pochi passi dalla spiaggia
        Originariamente inviato da spiderman2707 Visualizza il messaggio
        Conoscendoti non credo tu sia tipo da 5 stelle.
        guarda, lo sarei se qualcuno pagasse per me xD
        Ultima modifica di Uncle Scrooge; 11 gennaio 19, 14:32.


        Honour to the 26s

        Commenta


        • Originariamente inviato da spiderman2707 Visualizza il messaggio

          Ora che è ritornato in Italia, è un posto sicuro.

          Io invece volevo prendere un po' del vostro tempo, se vorrete, per parlare un po' del mio recente viaggio in Burundi (che già avevo accennato nel topic dei regali).
          Come Enfad e UomoCheRide già sapevano, mi sono recato in terra burundese, poco a sud dell'equatore, per partecipare al matrimonio di un'amica che vive e lavora lì come ostetrica da ormai 3 primavere. Parto il 26 dicembre da Milano-Linate, per poi incontrare altri 2 membri del gruppo a Roma. Arrivato a Fiumicino trovo al check-in un colosso (simile a Cannavacciuolo, ma pelato), che, una volta saputa la motivazione del mio viaggio, mi risponde: "Te fai 'na bella passejata, eh?". Atterriamo la mattina seguente all'aeroporto di Addis Abeba (che è un po' il principale scalo per tutti i voli per l'Africa subsahariana, in quanto l'Etiopia è l'unico stato africano a disporre di una compagnia aerea non sull'orlo del fallimento), dove abbiamo appuntamento con altri 2 membri della compagnia, e dopo circa 5 ore di attesa ci imbarchiamo sull'aereo che ci porterà finalmente a Bujumbura (capitale del Burundi). Sull'aereo sono seduto di fianco al sosia dell'attore che interpreta M'Baku di Pantera Nera, per chi non lo sapesse, questo qui:
          Spoiler! Mostra
          Durante il volo viene offerto un pasto a base di pasta collosa il cui sapore ricorda vagamente quello del sapone, pollo precotto leggermente acquoso e una mousse rosacea che non ho avuto il cuore di mangiare; proiettano inoltre un film a metà strada fra Chronicle e una specie di X-Men dei poveri (almeno a giudicare dagli sprazzi che ho visto). Atterrati a Bujumbura ci viene chiesto di compilare un modulo sul quale dobbiamo scrivere praticamente di tutto (ne avremmo compilato uno uguale prima di lasciare il paese); una volta fuori dal mastodontico aeroporto (una pista d'atterraggio, per un volo che probabilmente non passa nemmeno tutti i giorni) ci accoglie uno degli amici dello sposo, nonchè presidente del comitato organizzativo del matrimonio (!) e autista della macchina che ci condurrà a destinazione, mentre i nostri bagagli vengono caricati su un pick-up. Prima di partire chiediamo di poter cambiare i soldi (la moneta locale è il franco burundese, abbreviato "franbù", un euro equivale a circa 3000 franbù) ed è subito panico (nessuno dei nostri anfitrioni si aspettava una richiesta del genere); fortunatamente tutto si risolverà quando incontreremo lo sposo. Dopo circa 4 ore di viaggio costellate di numerose pause (di cui almeno mezz'ora attraverso il centro di Bujumbura), durante le quali è stato possibile assistere a diverse amenità, quali gente che trasporta oggetti di diverso tipo sulla testa, animali vaganti per strada, case realizzate con mattoni e fango essiccato, ma soprattutto ciclisti che sfruttano passaggi aggrappandosi ai camion, con in sottofondo una colonna sonora che comprende un mix di rap, soul e pure qualche influenza arabeggiante (con l'aggiunta di qualche pezzo più occidentale come quelli di Ed Sheeran) arriviamo finalmente a Ngozi, il villaggio in cui risiedono la mia amica e suo marito; dunque ci ricongiungiamo al resto della cumpa per la cena a casa di un'anziana dottoressa italiana che vive lì.
          Spoiler! Mostra

          Il giorno successivo scorre in maniera tutto sommato tranquilla, ci si dedica principalmente al riposo e ai preparativi delle nozze. Tuttavia riusciamo comunque a trovare il tempo per una visita al mercato locale nel pomeriggio (nel quale non si potevano assolutamente scattare foto), dove compro una stoffa con cui realizzare una fantastica camicia african style Dopodichè cena al ristorante più rinomato del villaggio (tempo d'attesa: un'ora e mezza circa, in Burundi il concetto di fretta sembra essere sconosciuto). Fra i piatti locali che abbiamo potuto gustare, oltre ai Mandasi, già menzionati nel topic dei regali, troviamo diversa frutta tropicale, fra cui mango, papaya, maracuja, avocado e banane, spesso fritte e usate come contorno (in Burundi friggono tutto il friggibile XD), parecchio riso, e il Sangala, un pesce tipico delle zone. Va molto forte anche la carne; spesso ci siamo ritrovati a magiare delle brochette: spiedini di carne, solitamente di capra (un po' pesanti, a dire il vero, ma buone). Altro cibo particolarmente prelibato sono i Sambusa: triangolini fritti ripieni di carne tritata, ottimi con il limone
          Spoiler! Mostra

          Il giorno seguente si celebra finalmente il matrimonio. E qui devo fare una premessa: l'albergo dove alloggiavamo era accettabile, un po' spartano, ma vivibile. L'acqua della doccia era un po' difficile da regolare, ma c'era. Caso vuole che l'acqua decida di mancare proprio quella mattina. Nella speranza che la situazione migliori, io e altri 4 andiamo a far colazione nell'albergo di fianco al nostro; sono le 8:40 e il matrimonio è alle 11. La colazione arriva alle 9:25; una volta finita, e non essendo tornata l'acqua, ci rechiamo a fare la doccia a casa di un altro italiano (in quel momento fuori dal paese) che vive nello stesso complesso ospedaliero della mia amica. La doccia non è molto agevole, ma riusciamo a farla e a cambiarci in tempo per la cerimonia. Per raggiungere la chiesa veniamo stipati nelle macchine assieme ad altri invitati (più o meno in 14 per macchina, e le macchine avevano solitamente 9 posti); fra gli altri facciamo anche la conoscenza di un'infermiera con figlio di pochi mesi a carico, il cui nome è...Chris Nolan!! La cerimonia nuziale dura circa 2 ore e mezza(), va detto che le messe burundesi contengono numerosi canti in kirundi (la lingua locale), con influenze decisamente gospel; mentre siamo in chiesa si scatena anche un temporale (normale, visto che là è appena iniziata la stagione delle piogge). Dopodichè ci rechiamo in un locale in cui si tiene il pranzo di nozze. Pranzo (a self service) che dura circa un'ora, durante la quale l'unico tavolo in cui si parla è quello degli italiani, perchè a quanto pare in Burundi si usa stare zitti durante i pasti (e anche qui emergono le differenze fra la loro cultura e la nostra). In seguito ci spostiamo (sempre in macchina) verso la location (molto carina) in cui si tiene il ricevimento. Questo consiste in una ventina di discorsi di parenti e amici dello sposo, oltre a quello del padre della sposa (durata del tutto: circa 3 ore), intervallati da danze di ballerini locali, alcuni dei quali truccati da guerrieri (importati dal Sud Africa, a dire il vero). Dopodichè momento balli (un'ora circa)
          Spoiler! Mostra
          Torniamo in albergo esausti; dormire sarebbe stato facile...non fosse che quella sera si esibiva vicino all'albergo un artista locale, il cui concerto è durato fino a notte fonda. Dormire al mattino non era semplice, molte infatti erano le "sveglie naturali": il sole (non c'erano tapparelle o persiane, solo tende), il gallo, le cornacchie, le campane, i carcerati che giocavano a calcio (dimenticavo che il nostro hotel era adiacente al carcere).
          Spoiler! Mostra
          Spoiler! Mostra

          Continua...
          Ultima modifica di Lord Vell; 13 gennaio 19, 01:24.

          Commenta


          • Il giorno seguente ci rechiamo nel carcere femminile per la messa con le detenute (altre 2 ore). E' sempre interessante sentire le storie della gente che vive in un mondo così diverso dal nostro (in Burundi anche l'aborto e il favoreggiamento di questo sono considerati reati). Nel pomeriggio il programma prevede animazione con i bambini dell' orfanatrofio; visto che non ci sono macchine disponibili andiamo in moto, accompagnati da alcuni ragazzi del posto, amici dello sposo. Se esiste un codice della strada in Burundi dev'essere molto elastico. Ci muoviamo quindi in squadriglia, in una scena a metà fra Mission: Impossible, Scrubs e Altrimenti ci arrabbiamo (in moto da 2 o 3, tutti rigorosamente senza casco) E le strade lì ricordano parecchio quelle di Roma (ma senza asfalto nei villaggi). Io mi trovavo su una moto con altri 2, uno dei quali non esattamente un peso piuma, e la strada da percorrere saliva un po', a d un certo punto. In pochi altri momenti della mia vita credo di aver pregato così tanto Una volta arrivati la scena è parecchio toccante, infatti i bambini corrono ad abbracciarci, segue un lungo momento di giochi con loro (molto bello, ma fisicamente impegnativo). Il giorno dopo facciamo una gita fuori porta a Kirundo, amena località lacustre poco a nord di Ngozi (tradotto: 2 ore e mezza a bordo di un pulmino a dir poco pittoresco). Lungo la strada veniamo fermati varie volte per controlli da militari e poliziotti. Dimenticavo che il Burundi è uno stato molto militarizzato, è infatti normale vedere agenti delle forze dell'ordine girare per strada con mitra solitamente puntati ad altezza uomo (roba che quando li vedi sulle camionette devi pregare che abbiano la sicura inserita ogni volta che prendono un dosso). Una volta arrivati facciamo il giro del lago sulle barche a remi, poi pranzo a base di pesce per tutti
            Spoiler! Mostra

            Spoiler! Mostra
            La sera poi cenone di capodanno con giochi di carte, tombola, pandoro e spumante. Proprio quando arriva il momento di stappare lo spumante scopriamo che in casa dei nostri amici...non c'è un cavatappi! Vengono messe sul tavolo diverse soluzioni, fra cui la scarpa (alla quale mi oppongo fermamente, già prevedendo le conseguenze). Dopo aver iniziato a scaldare la bottiglia, si decide infine di optare per il taglio con sciabola, che funziona alla grande. Il giorno dopo partiamo per Bujumbura, dove avremmo trascorso gli ultimi giorni di permanenza. La sistemazione è una sorta di convitto religioso che svolge anche funzione di albergo, qui ho l'occasione di conoscere un medico congolese rifugiato in Burundi in attesa delle elezioni nel suo paese (che dovrebbero essersi svolte in questi giorni), l'esito delle quali avrebbe potuto determinare il suo rientro nel paese d'origine. Il livello d'igiene della struttura era decisamente più scarso rispetto all'albergo in cui alloggiavamo prima. Vi risparmio i dettagli più scabrosi, dico solo che nella mia stanza c'erano un paio di ragni e alcune zanzare (fortunatamente avevamo le zanzariere da letto); poi, mentre vado in bagno prima di andare a dormire mi accorgo che un paio di antenne spuntano dal tubo del lavandino. Corro in camera a prendere il deodorante per stordire l'insetto, ma una volta rientrato in bagno non lo vedo più (fortunatamente non si sarebbe più ripresentato)! E io sono stato fortunato, altri si sono ritrovati le camere invase da scarafaggi Il giorno seguente ci aspetta un safari (turistico, eh) sulle rive del lago Tanganica, con tanto di giro in battello. Durante il tour a piedi precedente a questo la guida ci racconta la storia di Gustavo, un enorme coccodrillo che avrebbe divorato centinaia di persone, fra cui un amico della guida (immaginate che bello sentirsi questo racconto mentre attraversavamo il territorio di caccia di Gustavo). Tra l'altro ho scoperto che la storia di Gustavo ha ispirato il film Paura primordiale, slasher di serie B (ma forse pure C o D) ed eco vengeance con sottotesto politico. Durante il safari riusciamo a vedere numerosi animali, fra cui ippopotami, diversi uccelli tropicali, scimmie, e per un attimo pure un piccolo coccodrillo (ma non Gustavo XD)
            Spoiler! Mostra
            Spoiler! Mostra
            Spoiler! Mostra
            Spoiler! Mostra
            Poi chiusura in bellezza con pomeriggio in un locale con piscina sulla spiaggia (fare il bagno nel lago era impossibile)
            Spoiler! Mostra
            Spoiler! Mostra
            E' stata una settimana bella intensa, ma ne è valsa decisamente la pena. E' stata un' esperienza bellissima (e un capodanno fra i migliori che ricordi)
            Ultima modifica di Lord Vell; 13 gennaio 19, 20:12.

            Commenta


            • Originariamente inviato da Lord Vell Visualizza il messaggio
              Il giorno seguente ci aspetta un safari (turistico, eh) sulle rive del lago Tanganica, con tanto di giro in battello. Durante il tour a piedi precedente a questo la guida ci racconta la storia di Gustavo, un enorme coccodrillo che avrebbe divorato centinaia di persone, fra cui un amico della guida (immaginate che bello sentirsi questo racconto mentre attraversavamo il territorio di caccia di Gustavo). Tra l'altro ho scoperto che la storia di Gustavo ha ispirato il film Paura primordiale, slasher di serie B (ma forse pure C o D) ed eco vengeance con sottotesto politico. Durante il safari riusciamo a vedere numerosi animale, fra cui ippopotami, diversi uccelli tropicali, scimmie, e per un attimo pure un piccolo coccodrillo (ma non Gustavo XD)
              stavate in barca ed eravate più preoccupati dai coccodrilli che non dagli ippopotami? xD pazzi
              mi pare che l'ultimo avvistamento di Gustave sia del 2015



              Honour to the 26s

              Commenta


              • Belle foto e bellissimi racconti Lord XD
                Molto divertente la parte su "Gustavo il coccodrillo" XD.
                Curiosità macabra...ma i ragni che hai trovato in camera, di che "taglia" erano?
                Qual'è la verità? Ciò che penso io di me, ciò che pensa la gente, o ciò che pensa il burattinaio?
                Spoiler! Mostra

                Commenta


                • Originariamente inviato da Uncle Scrooge Visualizza il messaggio
                  stavate in barca ed eravate più preoccupati dai coccodrilli che non dagli ippopotami? xD pazzi
                  mi pare che l'ultimo avvistamento di Gustave sia del 2015
                  Sì, 2015 dicono. Addirittura la nostra guida sosteneva che avesse mangiato un suo amico in sua presenza, quando era piccolo. E ha detto pure che prima del 2005 (prima che costruissero la gabbia per Gustavo) fosse impossibile fare safari sul lago perchè i coccodrilli attaccavano le barche (mah...). Ma Paura primordiale l'avevi già visto?
                  Sugli ippopotami: per il safari ci siamo divisi in 2 gruppi, io ero nel primo: Pensa che addirittura quelli del secondo gruppo si sono visti emergere un ippopotamo a pochi metri dalla barca! Comunque sì, già sapevo che se infastiditi possono essere parecchio incazzosi (e anche piuttosto veloci); fortunatamente quando ho fatto io il giro se ne stavano tranquilli verso riva

                  Originariamente inviato da UomoCheRide Visualizza il messaggio
                  Belle foto e bellissimi racconti Lord XD
                  Molto divertente la parte su "Gustavo il coccodrillo" XD.
                  Curiosità macabra...ma i ragni che hai trovato in camera, di che "taglia" erano?
                  Come ti dicevo, pochi centimetri. Corpo piccolo, ma zampe lunghe e affusolate

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da Lord Vell Visualizza il messaggio
                    E ha detto pure che prima del 2005 (prima che costruissero la gabbia per Gustavo) fosse impossibile fare safari sul lago perchè i coccodrilli attaccavano le barche (mah...)
                    concordo sullo scetticismo (semmai sono gli ippopotami che attaccano le barche)
                    comunque sono invidioso: Gustave è una piccola celebrità nel mondo dell'erpetologia xD ti hanno raccontato la storia della gabbia e del tentativo di cattura?

                    e no, Paura Primordiale stranamente non l'ho visto (sono un fan della serie Lake Placid però)
                    Ultima modifica di Uncle Scrooge; 13 gennaio 19, 22:32.


                    Honour to the 26s

                    Commenta


                    • Vi propongo tre scatti, ahimè rudimentali, dalla recente vacanza in montagna al triplice confine Austria-Italia-Slovenia.

                      IMG_20190107_121036.jpgIMG_20190109_114944.jpgIMG_20190109_121315.jpg
                      File allegati
                      "Per me".

                      Commenta


                      • molto belle! che fiume é quello? isonzo?


                        Honour to the 26s

                        Commenta


                        • Davvero belle foto
                          Qual'è la verità? Ciò che penso io di me, ciò che pensa la gente, o ciò che pensa il burattinaio?
                          Spoiler! Mostra

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Uncle Scrooge Visualizza il messaggio
                            molto belle! che fiume é quello? isonzo?
                            Quel corso d'acqua, ora secco e parzialmente congelato, è il torrente Sàisera. Pochi km a valle si getta nel fiume Fella, affluente del Tagliamento. A poche centinaia di metri da lì c'è la cosiddetta Sella di Camporosso, che segna lo spartiacque tra i bacini adriatico-mediterraneo e danubiano. È un luogo simpatico perché potenzialmente se lanci un pezzo di legno in un punto esso galleggerà fino all'Adriatico, mentre se lo lanci un metro più in là esso raggiungerà il Mar Nero tramite il Danubio.
                            "Per me".

                            Commenta


                            • http://www.salteditions.it/filippine...rendo-palawan/

                              breve ricapitolazione del recente viaggio


                              Honour to the 26s

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da Uncle Scrooge Visualizza il messaggio
                                http://www.salteditions.it/filippine...rendo-palawan/

                                breve ricapitolazione del recente viaggio
                                Bellissimo articolo, as usual.
                                Come sempre mi fai venire voglia di partire. Chissà che un giorno non si possa fare un viaggio insieme, amico mio!
                                "Per me".

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X