annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Maniac (Netflix)

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Maniac (Netflix)

    La miniserie Netflix di Cary Joji Fukunaga debutta il 21 settembre...


    Everybody Lies...

  • #2
     
    "È tutto molto complicato...". "Il Contesto è importante!".
    "È tutto perfetto nel passato. Tranne come ci ha portato al presente."

    Commenta


    • #3
      Non sembra affatto male.
      Jonah Hill non lo sopporto molto, ma lei è una visione qualunque cosa faccia.
      Flickr


      "How much would you pay... for the Universe?" Neil Degrasse Tyson

      Commenta


      • #4
        Pazzesco il dimagrimento di Jonah Hill dopo Trafficanti. Il trailer è intrigante quanto basta, surreale e a tratti davvero visionario.
        Il rischio di aver voluto strafare potrebbe però essere dietro l'angolo, vedremo Fukunaga è stato abile nel sapersi destreggiare con questo tipo di materiale.

        Commenta


        • #5
          Apprendo dalle recensioni che anche questa nuova serie di Netflix pare sia memorabile.

          Commenta


          • #6
            Da oggi su Netflix tutte le puntate


            Pare un incrocio tra Eternal Sunshine di Gondry e Cloud Atlas

            Commenta


            • #7
              Visto per ora il primo episodio, sembra una cosa totalmente folle

              Commenta


              • #8
                sono fermo alla quarta. Meno lisergica e più strutturata rispetto a un Legion, per adesso intrattiene e non è pesante nella narrazione, ma spero che tutto questo alla fine porti a un qualcosa...

                Commenta


                • #9
                  Visti i primi due episodi, mi è parsa voglia essere a tutti i costi una roba hipster, spesso queste "hipsterate" non mi vanno a genio, soprattutto quando ho il sentore che siano delle operazioni molto studiate e costruite forzatamente con l'intento di assumere quella precisa forma. In questo modo ai miei occhi paradossalmente cadono sul versante opposto, ovvero mi appaiono tristemente super convenzionali nell'affannarsi a perseguire quei codici dell'anticonformismo.
                  Sono comunque tutte impressioni, alla fine particolare lo è, surreale pure, quindi innegabilmente si fa spesso intrigante e in certi momenti pure magnetica, con delle punte di inquietudine onirica. La curiosità su dove stia andando a pararare è propprzionale ai dubbi che mi ha lasciato. I due protagonisti azzeccatissimi. Rimandata per il momento.

                  Commenta


                  • #10
                    Dal punto di vista della confezione ha preso molto da quelle atmosfere anni '80 che tanto vanno di moda ora e che su Netflix hanno spopolato (basti pensare a Stranger Things o all'episodio di Black Mirror "San Junipero"), però in modo più patinato e astratto nel tempo (alla IT Follows) e ovviamente futuristico visto il contesto della serie. Un retro-futuro, insomma, molto vintage e per questo molto hipster in effetti. Però formalmente è davvero bello, quindi su questo c'è poco da dire.
                    Sicuramente è molto interessante ma aspetto di finirla prima di dare un giudizio completo, ho appena concluso la quinta puntata e da quanto ho sentito è proprio da qui che la serie prende un risvolto differente.
                    In diversi momenti ricorda Legion ma anche The Leftovers (il creatore dello show ha scritto alcune puntate di quella serie).

                    Commenta


                    • #11

                      Terminata poco fa. Per me niente per cui valga stracciarsi le vesti. V'è un'amalgama mal'assortita di toni e tempi che evidenziano una frattura tra i primi due episodi e i restanti (fatta eccezione per l'ultimo) che mettono in risalto la funzione quasi meramente riempitiva di tre quarti degli episodi, che alla luce del finale aggiungono poco e niente alla storia in sé (fatta eccezione per il personaggio della Stone).

                      Secondo me si possono guardare tranquillamente i primi due e poi passare direttamente all'ultimo non perdendo niente, ma anzi, guadagnandone in termini di continuità stilistica addirittura.

                      Commenta


                      • #12
                        L'ho finita ora, in effetti la serie ha una struttura (che si riflette pure nella durata differente di alcuni episodi) poco regolare, quasi schizofrenica tanto per restare in tema con lo show. E a volte ho avuto la sensazione che la serie rigettasse volutamente una definizione e una direzione chiara, e questo se da una parte è molto dispersivo e fa sembrare alcuni episodi poco necessari, altre volte però fa guadagnare in fascino.
                        Non so. Sicuramente non mi pento di averla guardata e non mi ha annoiato, poi la conclusione è anche giusta e significativa, nel panorama televisivo è sicuramente un prodotto interessante (oltre che ben fatto dal punto di vista formale, Fukunaga si conferma bravissimo) e non la dimenticherò con grande facilità. Ma da una parte un po' di rammarico c'è perché con qualche accorgimento sarebbe potuta diventare un Cult con la C maiuscola.

                        Justin Theroux mito.

                        Commenta


                        • #13
                          Cary Fukunaga ha affermato che la seconda stagione di Maniac, con Emma Stone e Jonah Hill, arriverà su Netflix senza la sua regia.

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da Bender77 Visualizza il messaggio
                            Terminata poco fa. Per me niente per cui valga stracciarsi le vesti. V'è un'amalgama mal'assortita di toni e tempi che evidenziano una frattura tra i primi due episodi e i restanti (fatta eccezione per l'ultimo) che mettono in risalto la funzione quasi meramente riempitiva di tre quarti degli episodi, che alla luce del finale aggiungono poco e niente alla storia in sé (fatta eccezione per il personaggio della Stone).

                            Secondo me si possono guardare tranquillamente i primi due e poi passare direttamente all'ultimo non perdendo niente, ma anzi, guadagnandone in termini di continuità stilistica addirittura.
                            Non sono per niente d'accordo.

                            Sta serie è Neon Genesis Evangelion praticamente. Finge di raccontarti una trama quando invece ti sta raccontando un percorso psicologico ed emotivo. Ogni puntata con i suoi strampalati trip mentali aggiunge un tassello all'evoluzione dei personaggi.

                            Ho trovato molto attento e delicato il modo in cui vengono tratteggiate le personalità e le maniacalità dei protagonisti. E il contrasto della loro psiche con quella delle persone "normali", che normali non sono affatto, rende il tutto ancora più significativo. I malati sono coloro che si fanno bloccare dalla malattia, mentre i sani sono coloro che continuano a vivere la vita nonostante la malattia.
                            Illuminante!

                            Bellissima serie. Consigliata.

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da Woody Visualizza il messaggio
                              Non sono per niente d'accordo.

                              Sta serie è Neon Genesis Evangelion praticamente. Finge di raccontarti una trama quando invece ti sta raccontando un percorso psicologico ed emotivo. Ogni puntata con i suoi strampalati trip mentali aggiunge un tassello all'evoluzione dei personaggi.

                              Ho trovato molto attento e delicato il modo in cui vengono tratteggiate le personalità e le maniacalità dei protagonisti. E il contrasto della loro psiche con quella delle persone "normali", che normali non sono affatto, rende il tutto ancora più significativo. I malati sono coloro che si fanno bloccare dalla malattia, mentre i sani sono coloro che continuano a vivere la vita nonostante la malattia.
                              Illuminante!

                              Bellissima serie. Consigliata.
                              D'accordissimo su tutto quello che hai scritto tutta la storia è il pretesto per affrontare il proprio dolore/malattia per imparare a superarlo/conviverci...
                              http://img7.imageshack.us/img7/4629/batmanvsbane.jpg
                              http://jhonillustratore.altervista.org/
                              "Anche in questo mondo piove, quando il tuo cuore è turbato il cielo si rannuvola, quando sei triste la pioggia si mette subito a scendere...per me è straziante... chissà se anche tu lo sai quant'è terrificante venire colpiti dalla pioggia in un mondo solitario come questo" Zangetsu


                              ***FIRMA MODIFICATA DAL MODERATORE***

                              Commenta

                              In esecuzione...
                              X