annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Star Trek: Discovery - CBS

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Star.Trek.Discovery.1x15.Mi.Prenderai.Per.Mano.ITA.ENG.1080p.WEBMux.DD5.1.x264-Morpheus.mkv_snapshot_44.06.png

    Ma che merde, proprio sul più bello. Non vedremo mai Pike e Spock con la petta in testa di lo Zoo di Talos.
    Amore mio non devi stare in pena, questa vita è una catena, qualche volta fà un po' male.
    Guarda come son tranquilla io, anche se attraverso il bosco, con l'aiuto del buon Dio, stando sempre attenta al lupo...

    Commenta


    • Finita..

      Mi sento di dover dividere il discorso in tre filoni.

      prime puntate:
      tolta la componente tecnologica e il design accattivante e modernizzato, le prime puntate non mi avevano attirato e soddisfatto molto. tutta la parte della guerra ai klingon l'ho trovata pallosissima.

      puntate del mirror universe:
      si è fatto decisamente il salto di qualità. la storia ha incominciato ad ingranare e il tutto ha assunto una forma più trekkiana, anche se quella meno amata dai nerdoni della saga (ENT, lol). mi è piaciuto tutto, tranne il finale un po' facilone su Lorca.

      ultime puntate:
      la penutilma è stata a dir poco soporifera.. e anche quest ultima, mi ha confermato che tutto il filone sui klingon non mi è proprio piaciuto. c'è però la sensazione nell'ultima puntata di essere tornati "a casa".. non solo per l'ovvia scena finale che ha fatto sussultare tutti, ma anche per le situazioni in generale che si sono viste nel corso della puntata.. dagli schiavisti orioniani, a dialoghi molto trekker style, sino alla scelta morale benevola del protagonista che, giustamente, viene premiata e riassegnata ad un ruolo ufficiale nella Federazione

      In sostanza non la boccio questa serie, ha avuti dei punti di forza molto interessanti e in generale ho apprezzato l'accostamento a Enterprise (è la mia serie preferita insieme a DS9) ma ancora di più, il fatto che in qualche modo vuole essere anche una ventata di freschezza nel mondo di Star Trek. alla faccia di tutti quei lamentoni cronici dei trekkie a cui sta serie non è piaciuta perché non ha scimmiottato la serie classica o peggio next generation.

      Curioso per il futuro della serie... sarà sempre la Discovery (e il suo equipaggio) la protagonista?

      p.s.
      secondo me rivedremo un'altra versione di Lorca.. eheh
      # I am one with the Force and the Force is with me #

      -= If You Seek His Monument Look Around You =-

      Commenta


      • Mah! Ho letto pochissimi pareri negativi che vertessero sul "non scimmiotta la serie classica e quindi fa schifo". I pareri negativi che ho letto, anche quelli dei trekker, sono stati tutti ben argomentati e fondano su una critica piuttosto solida.
        Poi non comprendo questa sottesa ipotetica diversità fra trekker nudi e crudi che amano solo TOS e TNG e spettatori dalle menti fini che invece sanno apprezzare DSN o Ent o Dis.

        In particolare credo che nessuno sia contrario allo svecchiamento del franchise in sé quanto a scelte apparentemente incoerenti come l'esistenza stessa del motore a spore. Che, per essere chiari, é una critica che non condivido perché il fatto stesso che gli autori siano stati tanto fedeli ad alcune scelte di canone significa che sono ben consci da dove viene la serie e ritengo ragionevolmente che troveranno il modo di spiegare anche quella presunta incoerenza in futuro.


        Detto ciò, il pianeta natale dei Klingon è bellissimo. L'ho adorato.

        Commenta


        • Ho come l'impressione che avevano sottomano tre sceneggiature e le abbiano unite cercando di incastrarle tramite snodi a colpi di scena. Il risultato mi sembra discontinuo, che non sa ne di carne nè di pesce. Fondamentalmente una stagione inutile che sembra voler dare al pubblico neofita il senso di cosa sia star trek con un percorso intorcinato che lo porta da un negativismo fatto di personaggi e rapporti tesi, fino all'ottimismo per il futuro (fondato tutto sul deterrente di una bomba dentro qo'nos...). Per me non sta in piedi, ma non nego che in diversi episodi mi sia divertito. Lo "svecchiamento" estetico mi fa sempre ridere, dato che sembra solo circoscritto ai klingon, che sono diventati nei nosferatu senza una ragione. A me non frega niente se li vogliono fare così, ma se proprio devono, che "svecchino" anche i vulcaniani, gli andoriani ecc... Comunque, vabbhè, chissene. Ovviamente tutti aspettiamo la seconda stagione, ma per quel che mi riguarda questa settima serie è per ora il punto più basso e si può solo sperare che imbocchi una strada e la percorra senza deviazioni.
          Amore mio non devi stare in pena, questa vita è una catena, qualche volta fà un po' male.
          Guarda come son tranquilla io, anche se attraverso il bosco, con l'aiuto del buon Dio, stando sempre attenta al lupo...

          Commenta


          • Originariamente inviato da Woody Visualizza il messaggio
            Mah! Ho letto pochissimi pareri negativi che vertessero sul "non scimmiotta la serie classica e quindi fa schifo". I pareri negativi che ho letto, anche quelli dei trekker, sono stati tutti ben argomentati e fondano su una critica piuttosto solida.
            Poi non comprendo questa sottesa ipotetica diversità fra trekker nudi e crudi che amano solo TOS e TNG e spettatori dalle menti fini che invece sanno apprezzare DSN o Ent o Dis.
            Ma non è una questione di menti sopraffine.. il fandom di Star Trek penso che sia il peggiore in assoluto

            Non mi piace l'approccio che hanno con la loro saga preferita. Pretendono che le cose siano fatte sempre come dicono loro. Hanno sempre visto male le novità.. odiano i nuovi film (tranne il terzo.. e chissà come mai) perché sacrilegio, hanno toccato i personaggi della serie classica e buttati in una timeline nuova.

            A suo tempo hanno odiato ENT perché la terza stagione (e secondo era pure la più bella) non utilizzava il solito stile della puntata stand alone, ma aveva una trama unica. Così chiusura anticipata della serie, l'unica fino a quel momento con un po' di freschezza in più, con una quarta stagione che praticamente condensa insieme tutte le classiche cose che fanno sbrodolare i trekker... potenziati + creatore di data, mirror universe, schiave di orione eccecc. per farli contenti

            Anche la cosa delle spore.. praticamente sono lì a scervellarsi per capire come possa rientrare nella timeline originale, invece di godersi la novità. Perché per tutta la loro vita da nerd, non hanno fatto altro che unire i puntini anche tra le più grandi stupidaggini della serie classica (e ne aveva eh) con next generation e tutte quelle arrivate dopo.

            Discovery per quanto non mi abbia impressionato più di tanto, ha dimostrato che il lore di ST può funzionare benissimo anche se raccontanto in maniera diversa. Io comunque le novità le vedo davvero solo sugli aspetti tecnologici e di design, ma tutto il resto.. anche la trama unica o situazioni di morale ambigua, le aveva sviluppate già tutte Enterprise. Non è un caso infatti che DIS la vedo decisamente più in sintonia con ENT che con le altre cose.

            Se dovessi scegliere ad esempio la serie che ad oggi ha rappresentato meglio il mirror universe, senza tanti problemi dico Discovery. Subito dopo ENT e poi DS9.

            La serie classica, che paradossalmente ha creato il mirror universe (anche se al tempo non mi pare vi fosse la volontà di farla una storia continuativa) è quella che lo rappresenta in una maniera involontariamente comica... sarà che è invecchiata male.

            # I am one with the Force and the Force is with me #

            -= If You Seek His Monument Look Around You =-

            Commenta


            • Ma Star Trek non è il suo lore. È proprio il positivismo che è praticamente (e inspiegabilmente) una voce fuori dal coro rispetto alle centinaia di distopie che la fantascienza si ostina a raccontare. Unica fra le tante opere di science fiction che non ammonisce sul futuro ma che lo racconta in maniera utopica. E nel farlo stigmatizza il presente come qualcosa di primitivo e perfettibile. Ti spinge a migliorarti mostrandoti la via, ricordandoti che hai margini per evolverti culturalmente.
              È una predica nel deserto che è rivoluzionaria anche oggi, dove il resto della fantascienza cerca di spaventarti e di deprimerti.
              Il lore è contorno. E sul focalizzarsi su quanto siano a punta le orecchie dei vulcaniani sbagliano tanto i nuovi fans di Discovery, quanto i vecchi trekker. Mancano di cogliere l'essenza.

              Commenta


              • Su questo concordo

                Ad ogni modo penso che la prima stagione di DIS sia stata una sorta di rodaggio, nel finale hanno fatto intendere che comunque si sta tornando verso quel tipo di racconto che ha sempre contraddistinto ST. La presenza della Ent. la vedo anche come un segno di buon auspicio (nonostante la chiamata d'emergenza eheh) verso il ritorno di situazioni più familiari, ma allo stesso tempo che possano aggiungere delle novità in più.

                La Ent. Traghetterà la seconda stagione di DIS, sicuramente con un arco narrativo concentrato nelle prime puntate, dopodiché DIS tornerà sicuramente a concentrarsi sulla propria storia.

                Non sono un esperto della timeline di ST, ma Spock dovrebbe essere già arruolato sulla Enterprise con Pike come capitano, giusto? Chissà se richiameranno Zachary Quinto ad interpretarlo
                # I am one with the Force and the Force is with me #

                -= If You Seek His Monument Look Around You =-

                Commenta


                • Originariamente inviato da Naihir Visualizza il messaggio
                  Non sono un esperto della timeline di ST, ma Spock dovrebbe essere già arruolato sulla Enterprise con Pike come capitano, giusto? Chissà se richiameranno Zachary Quinto ad interpretarlo
                  Si, con la petta che fa un po' emo anni sessanta. E' assodato che discovery non c'entra niente con la kelvin timeline, quindi niente zachary quinto (così come non c'è ben cross nel ruolo di sarek, qui interpretato da James Frain, così come non c'è Wynona Ryder nel ruolo di Amanda). Volendo fare i rompini, visto che la produzione si ostina a voler ambientare sta serie nel Tos (sono dei coglioni, si danno la zappa sui piedi da soli), la forma delle gondole che si vede in questa enterprise viene introdotta solo nel 2266. Ma visto il restiling di tutto, chi se ne frega. Secondo me non vedremo ne spock ne pike. Ho questa sensazione.
                  Amore mio non devi stare in pena, questa vita è una catena, qualche volta fà un po' male.
                  Guarda come son tranquilla io, anche se attraverso il bosco, con l'aiuto del buon Dio, stando sempre attenta al lupo...

                  Commenta


                  • Intanto in un'intervista si chiude la possibilità di vedere Spock. A quanto pare sarebbe impossibile trovare un attore che regga la parte di Nimoy e Quinto viene considerato iningaggiabile in quanto il suo personaggio appartiene ad un'altra timeline. Ovviamente è una bugia per non dire che l'attore costa troppo e non è disponibile, perché la timeline dei nuovi film si discosta da quella originale solo dopo l'interferenza temporale di Nero e lo stesso Spock anziano ne Il Futuro Ha Inizio. E Spock dovrebbe aver sempre avuto l'aspetto di Quinto da giovane, come testimoniato dal fatto che Nimoy nel film si riconosce in lui.

                    Commenta


                    • COMMENTO DI STAGIONE

                      Premessa n° 1

                      Star Trek non è semplicemente una serie televisiva qualsiasi e se dall’inizio è stato soprattutto un serial fantascientifico/avventuroso, nel tempo si è evoluto in qualcosa di molto più grande e importante.
                      Star Trek infatti è un inno al’evoluzionismo dell’essere umano in una progressione ideologia e filosofica, assolutamente pacifista e multiculturale, prontata al positivismo e a una visione utopistico del nostro futuro, tanto da arrivare ad essere per alcuni dei suoi fan quasi una filosofia di vita.
                      E’ questa l’impronta fondamentale e inequivocabile che rendeva la serie di Gene Roddenberry unica nel suo genere.
                      E da questo punto di vista la nuova serie creata da Bryan Fuller e Alex Kurtzman non fa esattamente un ottimo lavoro.

                      ATTENZIONE: SPOILER!

                      Discovery trasforma Star Trek in una mediocre serie Sci-Fi visivamente abbagliante, tecnicamente eccelsa ed economicamente opulenta, capace di stupire il pubblico con effetti speciali di stampo cinematografico come raramente si ha occasione di vedere in prodotti televisivi, ma a cui però sembra mancare quell’anima che da sempre la contraddistingue, quel senso di stupefacente meraviglia per la scoperta dello spazio e dei suoi misteri, dapprima come possibile minaccia per poi aprirsi a innumerevoli possibilità di evoluzione e progresso, scientifico e/o culturale, e a quel senso di appartenenza a una comunità che non si limita ai confini del nostro pianeta ma che abbraccia invece l’intero universo.
                      Tutto questo in Discovery non si avverte quasi mai, se non occasionalmente

                      Premessa n° 2

                      Ammetto però che potrebbe essere ingiusto giudicare la serie unicamente in quanto serial legato a un franchise così popolare come Star Trek e che quindi, per una maggior senso di obiettività, sarebbe dunque doveroso provare a considerare Discovery come una serie del tutto autonoma e, quindi, dalle premesse e dalle intenzioni del tutto nuove e differenti, ma anche in questo caso la situazione non è che migliori di molto.

                      La serie si divide in tre tronconi di storie ben distinti che faticano però a correlarsi in modo omogeneo, la narrazione è spesso confusa e scostante, le buone idee, che comunque ci sono, rimangono spesso solo abbozzate o trattate comunque superficialmente.
                      Come ad esempio il motore a spore, protagonista per buona parte della stagione, e che viene praticamente abbandonato nel finale (probabilmente per evitare problemi di continuity) o come la guerra con i Klingon che termina in modo totalmente artificioso e irrealistico, con L’Rell che, abbandonato completamente il proprio idealismo fieramente difeso fino a pochi minuti prima, accetta la pace con la federazione in cambio della reggenza dell’Impero klingon (su quali basi poi non si è capito, il detonare da solo non basta, se non come enorme WTF, a spiegare come TUTTE le casate Klingon abbiano infine accettato di sottomettersi rinunciando ad una vittoria praticamente certa).
                      Lo stesso arco narrativo Voq/Taylor, nonostante certe premesse iniziali, si sgonfia proprio al suo apice e in un modo del tutto banale e anti climatico,
                      Sembra che ci sia stata un gran fretta di concludere, senza approfondire le tante, troppe, trame aperte.

                      Il punto di vista dello spettatore è invece incentrata totalmente su Michael Burnham, ma il personaggio non è abbastanza interessante e l’interpretazione monocorde di Sonequa Martin-Green di certo non aiuta, mentre il resto dell’equipaggio della Discovery risulta invece troppo anonimo e incolore.
                      Lo stesso Alex Tyler, in teoria quasi un co-protagonista visto il legame affettivo che si viene a creare con Burnham, viene penalizzato da una scrittura schizofrenica e ridondante mentre il potenzialmente interessante Saru, del sempre ottimo Doug Jones, viene invece troppo spesso relegato sullo sfondo.
                      Unici personaggi riusciti l’ambiguo Gabriel Lorca di Jason Isaac, anche se forse un po' troppo di maniera, e l’ingenua Tilly di Mary Wiseman, insieme al Cap. Georgiou il personaggio probabilmente più Trek di una serie che è tale più nelle intenzioni che non nella resa ma che, anche presa come serie indipendente, presenta comunque ancora troppa superficialità e discontinuità di forma.
                      Non tutto è da buttare, certo, ma date certe premesse mi sarei aspettato qualcosa di meglio.

                      aHR0cDovL3d3dy5zcGFjZS5jb20vaW1hZ2VzL2kvMDAwLzA3NC8wMzMvb3JpZ2luYWwvc3RkLWNyZXcuanBn.jpg



                      Commenta


                      • Concordo in lrghissima parte con te. Discordo, solo parzialmente, sui personaggi che, tirando le somme, sono riusciti a creare un legame con lo spettatore (almeno con me) e ad essere appena sufficientemente interessanti da volerne seguire le avventure la prossima stagione.

                        Poi giro la testa per un attimo, vedo the orville, che ti propone uno star trek goliardico che va alla grandissima facendo tantisismo con poco e ridimensiono ancora di più discovery...
                        Amore mio non devi stare in pena, questa vita è una catena, qualche volta fà un po' male.
                        Guarda come son tranquilla io, anche se attraverso il bosco, con l'aiuto del buon Dio, stando sempre attenta al lupo...

                        Commenta


                        • A me viene da pensare che il primo arco narrativo doveva essere fatto in tutt'altra maniera. La componete di Voq è stata utilizzata proprio a membro di segugio. Nelle prime puntate questo Voq sembrava dover essere uno dei portagonisti della storia, in riflesso alle vicende dei classici personaggi della nave federata. Invece è scomparso, insieme a tutta la sua idealizzazione.

                          Per certi versi, sarebbe stato interessante vedere svilupparsi le vicende klingon dal punto di vista dei suoi guerrieri e soldati, altalenando i vari punti di vista delle due fazioni in guerra. Ma la storiella l'hanno abbandonata quasi subito.

                          Maliziosamente mi viene da pensare che la parte del mirror universe è stata pensata e formulata in un secondo momento, come trama parafulmine se quella principale sui klingon non fosse riuscita a scalfire l'interesse del pubblico. Visto che così è stato, ecco svilupparsi una trama più familiare e accattivante.. anche se pure quest ultima si conclude in un modo a dir poco spicciolo (il modo in cui hanno salutato Lorca è un po' meh).

                          Tirando le somme, si rimane un po' con l'amaro in bocca.. ma al momento mi è rimasta la curiosità di vedere dove andranno a parare con l'aggiunta della Ent.


                          Davvero Spock non lo mostreranno? Ne dubito. Penso sia una sorta di depistaggio, per alimentare le discussioni tra fan e spettatori sul "ci sarà o non ci sarà?" fino a quando la seconda stagione non arriverà. Zachary Quinto nasce dalle serie tv e non so ora quanto possa costare, rispetto al passato.. ma tolto Star Trek quali altri grandi film ha fatto, tanto da meritarsi un cachet elevato? Boh.. io invece penso che Quinto tornerà a fare Spock per quelle 3-4 puntate di DIS; non ci sarebbero nemmeno problemi di coerenza, visto che il vecchio Spock nella timeline alternativa, si riconosceva in quel giovane Spock (ma poi in una serie dove è stato rivoluzionato il look di una delle razze più iconiche, che vuoi che sia il re-casting di un vecchio personaggio).
                          # I am one with the Force and the Force is with me #

                          -= If You Seek His Monument Look Around You =-

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Maddux Donner Visualizza il messaggio
                            Poi giro la testa per un attimo, vedo the orville, che ti propone uno star trek goliardico che va alla grandissima facendo tantisismo con poco e ridimensiono ancora di più discovery...
                            Sicuramente la presenza in contemporanea di The Orville, entrambe serie, tra l'altro, alla prima stagione, non ha favorito moltissimo il serial della CBS, in special modo con i fans più duri & puri.

                            STAR TREK: DISCOVERY È PIÙ DISCUSSA ONLINE DI THE WALKING DEAD E STRANGER THING.

                            https://serial.everyeye.it/notizie/s...gs-321096.html

                            Si sa qualcosa sui numeri che la serie è riuscita a fare? Perchè ho l'impressione, al di là dei commenti online, che sia stata comunque un successo.

                            Commenta


                            • Ma senza essere duri e puri, the orville è uno show migliore di discovery. Semplice. Vedremo in futuro.
                              Amore mio non devi stare in pena, questa vita è una catena, qualche volta fà un po' male.
                              Guarda come son tranquilla io, anche se attraverso il bosco, con l'aiuto del buon Dio, stando sempre attenta al lupo...

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da Maddux Donner Visualizza il messaggio
                                Star.Trek.Discovery.1x15.Mi.Prenderai.Per.Mano.ITA.ENG.1080p.WEBMux.DD5.1.x264-Morpheus.mkv_snapshot_44.06.png

                                Ma che merde, proprio sul più bello. Non vedremo mai Pike e Spock con la petta in testa di lo Zoo di Talos.
                                C'ha pure i piloni delle gondole sdoppiati !


                                Qualcosa tipo Spielberg ,ma con le macchine al posto dei dinosauri

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X