annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Ad Astra - James Gray

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Chissà come mai il casting di Liv Tyler sia rimasto nascosto per così tanto tempo.

    Commenta


    • Si vergognavano ma possibile non abbiano trovato una più decente?

      Commenta


      • Originariamente inviato da Matthew80 Visualizza il messaggio

        Questa dei 100 anni mi mancava; ma siete sicuri ? ad occhio sembra ambientato ai giorni nostri, per molti motivi ... boh ....
        Se è davvero così, allora qualcosa non quadra perchè le astronavi ed i rover sulla Luna hanno un aspetto "vecchio" anche per gli standard attuali del 2019 ...

        Per il resto si, forse l'unico elemento di fantascienza "pura" è la questione dell'entità aliena, ma per il resto, come spiegato, ci vedo poco "fanta" e tanta "scienza".
        Poca o molta che sia, è fantascienza, non è né first man né gravity.
        Luminous beings are we, not this crude matter.

        Commenta


        • Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
          Il responso lo darà il botteghino. Non manca molto.



          Dubito che sia costato solo 50 milioni.
          Si direi impossibile.
          ​​​​​
          Anche se quei rover son davvero orrendi.

          Commenta


          • Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
            Dubito che sia costato solo 50 milioni.
            Avevo letto un centinaio (chi sa smentisca pure), che mi sembrano pericolosamente tantini.
            Speriamo che i dollaroni non lo abbiano condizionato troppo, il nostro mi pare ben lungi dalla libertà di spadroneggiare che ci si guadagna guadagnando molto.

            In ogni caso Gray è un regista classico che par fiero di esserlo, sicchè non mi aspetto invenzioni formali talmente sbalorditive da lasciare a bocca aperta il fantasma vagolante di Kubrick e da indurlo alla reincarnazione riparatrice.
            Si spera, invece, che lavori sommessamente sul genere, tratteggiando personaggi più complessi della media (Pitt, non mi deludere), dosando con una certa classe la narrazione, adottando un linguaggio condiviso ma lavorandolo cariscamente ai suoi scopi, e via dicendo.

            Io auspico solo che Tommy Lee Jones non si massaggi a sua volta la crapa pelata con aria meditabonda (e che le macchinine durino pochissimo).

            Commenta


            • E se fosse un film come Arrival?

              Una storia stratificata, ben recitata e fotografata, con un’ottima colonna sonora (nella quale era incastonato anche il più abusato tema di Richter, che tuttavia non ci stava male…), effetti speciali ben realizzati senza strafare, una storia di NON-fantascienza, in quanto alla fine era un racconto contemporaneo di conflitto linguistico molto metaforico, di fantascienza della comunicazione…

              insomma un film di grande personalità e stile, in grado di parlare a tutti con intelligenza e sensibilità… non male no?

              Commenta


              • Basta che non sia com Interstellar. Per carità, il film di Nolan aveva grandi parti tecniche e colonne sonore ottime, ma sulla sceneggiatura ricordo che mi scappò pure una risata ad un certo punto. Con tutto il rispetto per Nolan.
                Gray su quel lato è più accurato.

                Commenta


                • Originariamente inviato da sherry Visualizza il messaggio
                  Basta che non sia com Interstellar. Per carità, il film di Nolan aveva grandi parti tecniche e colonne sonore ottime, ma sulla sceneggiatura ricordo che mi scappò pure una risata ad un certo punto. Con tutto il rispetto per Nolan.
                  Gray su quel lato è più accurato.
                  La scena "Eureka!" ?

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da Gryzor Visualizza il messaggio

                    La scena "Eureka!" ?
                    Cercavo di rimuovere certi traumi. Grazie, Gryzor

                    No, ma proprio in generale alla fine. Gray, non mi sbagliare

                    Commenta




                    • Brividi

                      Commenta


                      • Brividi di piacere o di disgusto?

                        Commenta


                        • sulla luna vivono delle persone, quindi direi che ambientato nel futuro
                          Ultima modifica di - Rasputin -; 06 giugno 19, 23:31.

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
                            Brividi di piacere o di disgusto?
                            Davo un ulteriore ricordo a sherry​​​​​​
                            Quando lo vidi la prima volta non credevo alle mie orecchie...

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da - Rasputin - Visualizza il messaggio
                              sulla luna vivono delle persone, quindi direi che ambientato nel futuro
                              Nel 2024 è previsto il ritorno sulla Luna con un paio di missioni "stile Apollo", poi dal 2028 si inizierà a costruire una base/colonia stabile.

                              Un futuro dunque vicinissimo, alla fin fine.

                              Ex utente Matt80 dall'autunno 2007

                              Commenta


                              • Io nella trama ci vedo pure contact.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X