annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Once Upon a Time in Hollywood (Quentin Tarantino)

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Ma Charlie Says di Mary Harron è uscito più in Italia?

    Commenta


    • Non lo so ma ho visto il film con Hilary Duff: o-r-r-i-b-i-l-e.
      Povera Sharon. Non potevano farle torto peggiore.

      Commenta


      • Originariamente inviato da sherry Visualizza il messaggio
        Non lo so ma ho visto il film con Hilary Duff: o-r-r-i-b-i-l-e.
        Povera Sharon. Non potevano farle torto peggiore.
        Non ne avevo idea, un B-movie? Grazie, eviterò.

        Commenta


        • Originariamente inviato da Fish_seeks_water Visualizza il messaggio
          Ma Charlie Says di Mary Harron è uscito più in Italia?
          Pare esca il 22 agosto

          Originariamente inviato da sherry Visualizza il messaggio
          Non lo so ma ho visto il film con Hilary Duff: o-r-r-i-b-i-l-e.
          Povera Sharon. Non potevano farle torto peggiore.
          Concordo pienamente. Non solo orribile, ma irrispettoso da far paura

          Commenta


          • Esordio da 7,7 milioni in Russia: il migliore di sempre per Tarantino (addirittura triplicato il precedente record detenuto da Django Unchained). Se il buongiorno si vede dal mattino.


            Commenta


            • Originariamente inviato da Fish_seeks_water Visualizza il messaggio

              Non ne avevo idea, un B-movie? Grazie, eviterò.
              Non insultare i B movie

              Commenta


              • Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
                Esordio da 7,7 milioni in Russia: il migliore di sempre per Tarantino (addirittura triplicato il precedente record detenuto da Django Unchained). Se il buongiorno si vede dal mattino.

                se la gioca con django per essere il più grande successo di tarantino al box office

                Commenta


                • In america si fermerà molto sotto a Django Unchained ma all' estero lo star power combinato di Leonardo Di Caprio e di Brad Pitt si farà rivalere molto di più.
                  Per Pitt è una situazione simile a quella di Intervista col Vampiro dove condivideva lo schermo con Tom Cruise, allora all' apice del successo.
                  Ultima modifica di mr.fred; 12 agosto 19, 12:24.

                  Commenta


                  • L'occasione è stata il lancio romano di 'C'era una volta... a Hollywood', il nono film del regista cult. Spoiler: la chiacchierata è una bomba
                    https://www.amazon.it/Dario-Argento-...+il+suo+doppio Il mio saggio sul cinema di Dario Argento.

                    "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

                    Commenta


                    • Certo capire un americano che parla non è sempre facile, capire un tizio americano che sforna 8000 parole al secondo è complicato, capire un regista americano che sforna 8000 parole al secondo che si chiama Quentin Tarantino è da matti ma è figo da morire. Grazie Maestro.

                      Complimenti a Marco D'Amore per quest'intervista. Ma avrà capito cosa diceva Tarantino oppure è ricorso ai sottotitoli? complimenti anche al mio conterraneo Marco D'Amore.

                      Commenta


                      • Se D'amore ha un minimo di orecchio non avrà avuto problemi (per me che sono abituato, per dire, è comprensibile senza problemi). Sono quelli con l'accento stretto del sud o scozzese (per dirne due) che bisogna temere XD
                        Luminous beings are we, not this crude matter.

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
                          In america si fermerà molto sotto a Django Unchained ma all' estero lo star power combinato di Leonardo Di Caprio e di Brad Pitt si farà rivalere molto di più.
                          Per Pitt è una situazione simile a quella di Intervista col Vampiro dove condivideva lo schermo con Tom Cruise, allora all' apice del successo.
                          si io parlavo dell'incasso mondiale, comunque all'epoca cruise era una star più grande di pitt, adesso pitt e dicaprio sono pari

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                            Se D'amore ha un minimo di orecchio non avrà avuto problemi (per me che sono abituato, per dire, è comprensibile senza problemi). Sono quelli con l'accento stretto del sud o scozzese (per dirne due) che bisogna temere XD
                            Sì infatti, poi Tarantino pur parlando velocemente scandisce abbastanza bene le parole e aiuta anche il suo modo molto italiano di gesticolare

                            Commenta


                            • Intervista divertente, il solito Tarantino che, anche quando dice cose già dette e ridette, ruba la scena per la sua personalità estroversa, bizzarra e logorroica. Si può dire che gesticola come un vero italiano e cerca di parlare imitando i suoi "famosi dialoghi" ?

                              credo che se davvero si fermerà al decimo film il suo essere mito assumerà una dimensione ancora maggiore, la reticenza espositiva paga sempre per i grandi artisti e ne consacra l'alone leggendario. Certo da un lato mi dispiacerebbe perchè amo i suoi film ma, dall'altro, credo anche che la sua fama ne gioverebbe ulteriormente, col senno di poi ed a lungo termine.
                              Mi è piaciuto il discorso che ha fatto sulla connessione umana che si crea tra un divo ed il suo stunt, solo un profondo e grande conoscitore/innamorato di cinema come lui poteva pensare di fare un film su una cosa del genere. Verissima anche la cosa che dice sugli spaghetti western, che negli anni '60 venivano snobbati o odiati dagli americani di vecchia generazione, quelli cresciuti a "pane e John Ford". L'operazione iconoclasta e irriverente di Leone apparì come un insulto intollerabile ai loro occhi. Di certo il nostro grande Sergio, quando decise di copiare Yojimbo in un cinema romano, mai e poi mai avrebbe pensato di travalicare i confini nazionali, addirittura sbarcando in America (la terra di origine dei suoi miti).

                              Marco D'Amore è un gran simpaticone, è spigliato e si vede che si dà tanto da fare per proporsi, crescere e migliorare. Peccato però che sembra eternamente incastrato nel mondo di Gomorra, e con pochi spiragli di uscita al momento
                              Ultima modifica di David.Bowman; 12 agosto 19, 20:13.
                              "E' buffo come i colori del vero mondo diventano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo"


                              Votazione Registi: link

                              Commenta


                              • Sul fatto che Tarantino si fermi a dieci film, credo che lo farà per ora col prossimo film. Secondo me con gli anni gli verrà di dirigere altri film, certo può (come dice lui) scrivere libri, pièce, sceneggiature ecc. Ma come i grandi campioni che quando smettono poi si pentono, anche il buon Quentin secondo me si ricrederà...

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X