annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Once Upon a Time in Hollywood (Quentin Tarantino)

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • mr.fred
    ha risposto
    Usciti gli incassi internazionali del fine settimana: 53 milioni di cui 8,9 milioni in UK, 6,9 milioni in Francia, 5,6 milioni in Germania, 4,4 milioni in Australia, 3,6 milioni in Spagna. Numeri da blockbuster.
    Totale internazionale: 66 milioni di cui 13 in Russia dove è uscito da dieci giorni.
    Totale worldwide: 180 milioni.

    Lascia un commento:


  • Admiral Ackbar
    ha risposto
    Originariamente inviato da - Rasputin - Visualizza il messaggio
    Richard Linklater dice che "C'era una volta ... a Hollywood" di Quentin Tarantino è uno dei suoi film preferiti del decennio
    Qualcuno effettivamente ha paragonato Once Upon a Time in Hollywood a film di Linklater come Dazed and Confused.
    Segnalo un'intervista (divertente e ben montata) in cui Tarantino commenta la propria influenza nella cultura pop: https://www.youtube.com/watch?v=ix-ym3c736o

    Lascia un commento:


  • Acerrimo89
    ha risposto
    Originariamente inviato da aldo.raine89 Visualizza il messaggio
    Aggiungo altre due cose in merito al film:

    - pur senza aver visto buona parte degli altri film in Concorso, non ho da recriminare riguardo alla sua esclusione dal palmarés di Cannes
    - spero di arrivare a 55 anni con un fisico che assomigli a quello di Brad Pitt

    Questo weekend usciva praticamente dappertutto, tranne che da noi, nessun forumista sta all'estero e l'ha visto o lo vedrà prossimamente?
    L’ho visto. Mi è piaciuto.

    Lascia un commento:


  • mr.fred
    ha risposto
    Non dico la Palma ma un qualsiasi altro premietto glielo potevano dare anche solo per lo sforzo che ha fatto per adempiere alla promessa di portarlo in concorso.
    Con questo sgambetto il Festival di Cannes si è bruciato definitivamente ogni possibilità di avere titoli della stagione dei premi a stelle e strisce nei prossimi anni.

    Ultima modifica di mr.fred; oggi, 11:07.

    Lascia un commento:


  • aldo.raine89
    ha risposto
    Aggiungo altre due cose in merito al film:

    - pur senza aver visto buona parte degli altri film in Concorso, non ho da recriminare riguardo alla sua esclusione dal palmarés di Cannes
    - spero di arrivare a 55 anni con un fisico che assomigli a quello di Brad Pitt

    Questo weekend usciva praticamente dappertutto, tranne che da noi, nessun forumista sta all'estero e l'ha visto o lo vedrà prossimamente?

    Lascia un commento:


  • - Rasputin -
    ha risposto
    Richard Linklater dice che "C'era una volta ... a Hollywood" di Quentin Tarantino è uno dei suoi film preferiti del decennio

    Lascia un commento:


  • mr.fred
    ha risposto
    Che furbacchione. Non che il film avesse bisogno di questa querelle per farsi pubblicità.

    Lascia un commento:


  • - Rasputin -
    ha risposto
    quella scena ha fatto molta pubblicità al film e mi dicono funzioni alla grande, insomma tarantino sa che le polemiche aiutano e lui le sfrutta in modo intelligente

    Lascia un commento:


  • mr.fred
    ha risposto
    Quando la pezza è peggiore del buco, questa volta Tarantino l' ha fatta grossa.

    Lascia un commento:


  • Maddux Donner
    ha risposto
    Quentin Tarantino difende il suo ritratto di Bruce Lee in C'era una volta a... Hollywood, e la figlia Shannon Lee replica: "Stia zitto o si scusi"

    Lascia un commento:


  • loStraniero
    ha risposto
    ...che si dedichi ad altro è cosa per me scontata. Ascoltando le interviste rilasciate in questo periodo, ha parlato di diversi progetti:

    - una serie tratta Once Upon a Time in Hollywood
    - Star Trek
    - un libro su Sergio Corbucci
    - varie: teatro, televisione, etc...

    ...onestamente penso che non chiuderà nemmeno con il cinema, magari produrrà dei film o si occuperà di co-firmare qualche lavoro. Non è uno che starà con le mani in mano.Non mi pare proprio il tipo. A mio modo di vedere, la sua scelta di smettere al decimo è si in parte razionale, ma anche no, sembra in realtà dettata dalla sua passione verso il cinema (è uno che sin da piccolo pensava e viveva solo di cinema, forse sta anche lì "limite" di alcuni suoi ultimi film), dice che non vuole perdere il "controllo" e alla lettera i suoi film, magari non hanno più l'energia di un tempo, l'esplosività degli esordi, ma sono sempre ben al di sopra della media per regia, casting e cura nella messa in scena. Certo è che lascia un vuoto grosso in un periodo già piuttosto difficile per il cinema non supereroistico e che però vuole essere comunque mainstream...

    Lascia un commento:


  • Massi
    ha risposto
    Ma chi lo decide che dopo dieci film subentra il declino? Lui? Il pubblico (sti cazzi?)? Ma mille volte meglio uno Scorsese che ha una miriade di progetti in mente pur sapendo che probabilmente l’eta gli permetterà di concluderne la metà della metà. Il cinema non può essere fatto di calcoli al dettaglio, se non è passione per chi lo propone come può esserlo per gli spettatori? E per passione intendo mettersi lì a esercitare una vocazione, non solo imbottire di citazioni nerd i propri film. Poi se si dedicherà effettivamente ad altro ogni discorso cade, per carità. Mi sembra tutto un po’ troppo “studiato” e quindi fastidioso, preferisco maggiore anarchia.

    Lascia un commento:


  • Sir Dan Fortesque
    ha risposto
    A proposito di Bruce Lee e Ali XD: https://www.complex.com/sports/2016/...kill-him-fight

    Lascia un commento:


  • loStraniero
    ha risposto
    comunque il fatto di voler chiudere a dieci è una cosa che risale a parecchio tempo addietro, intendo non è una cosa nuova. Nelle prime interviste specificava di aver studiato le filmografia dei grandi e che dopo dieci film iniziavano a perdere colpi, insomma vuole fermarsi prima che cominci il declino...Oggi ribadisce più o meno la stessa cosa. Non penso affatto che sia una cosa poco seria e voluta per aumentare il proprio prestigio, ma più che altro un effetto della sua passione e del suo impegno a dare il massimo nei suoi film ed allo stesso aver un riscontro consistente in termini di pubblico. Qui forse c'è la differenza più netta con un Lynch ad esempio, i cui film non erano esattamente destinati ad audience mainstream come quella di Tarantino.
    Aggiungo solo di aver letto delle dichiarazioni in merito alla questione Bruce Lee. Tarantino ha visto dal vivo Bruce (probabilmente mentre girava sui set) e dice che era arrongante come lo descrive nel film. A sto punto gli credo, non è uno di parte e non avrebbe avuto motivo di dipingerlo in quel modo...Comunque questo film mi preoccupa un pò. Da quello che capisco è un Hateful Eight a Hollywood..mah stiamo a vedere....speravo tornasse almeno alla fase Leonard ed invece nulla...ok dai va visto...

    Lascia un commento:


  • trust
    ha risposto
    Originariamente inviato da Bone Machine Visualizza il messaggio
    Se vuol debuttare come scrittore di teatro Tarantino meglio si confezioni una mutanda di ghisa per reggere i colpi della critica astiosa contro i parvenu del cinema.
    Birdman docet =P

    Lascia un commento:

In esecuzione...
X