annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

The Mule (Clint Eastwood)

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #31
    In effetti la cosa è preoccupante, in Italia però come dici al momento ce ne sono pochi

    Commenta


    • #32
      Anche Zemeckis è incappato nello stesso genere di critiche.

      Commenta


      • #33
        Di Marwen infatti ho letto critiche positive o al massimo tiepide in Italia, comunque lontane dal disastro che si dice negli USA

        Commenta


        • #34
          Anche in Francia lo hanno accolto abbastanza bene. Può avere dei problemi ma questi non possono e non devono avere a che fare col fatto che il protagonista oggettivizza le donne come bambole sexy (tra l' altro la storia è vera).
          Ultima modifica di mr.fred; 08 gennaio 19, 20:11.

          Commenta


          • #35
            Originariamente inviato da trust Visualizza il messaggio
            Insomma: il cinema valutato come un manuale di educazione civica.
            Quindi avranno valutato bene quella ciofeca dell’ultimo con i tre ragazzotti eroi (non) per caso

            Commenta


            • #36
              Originariamente inviato da Massi Visualizza il messaggio

              Quindi avranno valutato bene quella ciofeca dell’ultimo con i tre ragazzotti eroi (non) per caso
              e che c'azzecca mo un film con un altro? Abbiamo uno dei prossimi critici USA... che poi voglio dire, quei tre rappresentano proprio tutto ciò che questi nuovi critici odiano, quindi in realtà si va a confermare ancora di più quello che stiamo dicendo

              Commenta


              • #37
                Comunque non tutti sono così ma solo alcuni. Per ora.


                Commenta


                • #38
                  I critici passano, i filmoni di Eastwood restano.

                  Comunque sta incassando, sintomo che c'è gente e pubblico stanco del politicamente corretto e che chiede storie con personaggi sfaccettati ed ambigui. Insomma reali, non pupazzi portatori di concetti inculcati in modo pedante e scolastico.

                  Commenta


                  • #39
                    Gli elettori di Donald Trump stanno facendo la fila al botteghino.
                    Scherzi a parte le recensioni non sono state terribili ma navigano tranquille sulla soglia della sufficienza.

                    Commenta


                    • #40
                      Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
                      I critici passano, i filmoni di Eastwood restano.

                      Comunque sta incassando, sintomo che c'è gente e pubblico stanco del politicamente corretto e che chiede storie con personaggi sfaccettati ed ambigui. Insomma reali, non pupazzi portatori di concetti inculcati in modo pedante e scolastico.
                      Duane e Sonny di "L'Ultimo spettacolo"vanno a fare bisboccia in Messico , ma non ce l'hanno il fegato di proferire che le ragazze messicane sono più "moderne" di quelle americane. Piuttosto preferiscono relativizzare la pedofilia del "Predicatore"... Coprono sia la quota politicamente scorretta e filo patriottica trumpiana? Dunque anche astenersi dalla pedofilia è un esercizio "inculcato in modo pedante e scolastico"; che comunque attiene ad una disputa tra adulti , dato che alla bambina badano in pochi . L'alternativa è d'altronde il tizio che sbraita contro il Predicatore, promettendogli il castigo di Dio. L'aver comunque rotto il tabù rende il reprobo "tecnicamente" più edotto di tutti sull'argomento pedofilia, da qui il tentativo di Sonny di sminuirlo. Nel trailer di "The Mule" è il protagonista stesso che si auto-flagella per i suoi errori, che pare una puntata media di "Forum " su Canale 5 dove i "reprobi" al dunque se la tirano parecchio. Ah. già, sono politicamente scorretti...

                      "...perché senza amore non possiamo che essere stranieri in paradiso"

                      Commenta


                      • #41
                        Originariamente inviato da trust Visualizza il messaggio

                        e che c'azzecca mo un film con un altro? Abbiamo uno dei prossimi critici USA... che poi voglio dire, quei tre rappresentano proprio tutto ciò che questi nuovi critici odiano, quindi in realtà si va a confermare ancora di più quello che stiamo dicendo
                        Ti è proprio piaciuto, eh?

                        Commenta


                        • #42
                          C'è una evidente mistificazione ,dato che è il politicamente scorretto che esige di dire le cose per come sono : pane al pane, vino al vino, pedofilo al pedofilo e narcos ai narcos. I personaggi "ambigui e sfaccettati" sono roba nella vita da mezze seghe buoniste ed ipocrite.

                          Magari sarà il trailer ad essere fuorviante, ma per come è montato sembra la paraculata di uno che sta puntellando i suoi errori per farseli scusare/abbuonare almeno in parte : una parola in più della sua autocritica diventa "moralismo" ed allora facile che se ne dicano qualcuna in meno , relativizzandolo.

                          Ed avanti così pure i pedofili li si potrà chiamare "adulti che esplorano lati ambigui e sfaccettati della sessualità". Ne trovano uno domani ad Offanengo e mi aspetto dunque ammirazione per il livello d invidiabilei emancipazione della provincia cremonese!
                          "...perché senza amore non possiamo che essere stranieri in paradiso"

                          Commenta


                          • #43
                            Come ragionate. È cinema o una lezione di educazione civica alle elementari?

                            Che doveva fare Eastwood? Il discorso che il razzismo è sbagliato? Un regista a 88 anni veramente deve abbassarsi a questo?
                            Già è stato umiliante vedere Eastwood dover spiegare le immagini di American Sniper perché molta gente non aveva capito il film (Moore in primis con la sua osservazione sui cecchini).
                            Ultima modifica di Sensei; 09 gennaio 19, 14:12.

                            Commenta


                            • #44
                              Non è che il cinema non possa avere anche valore morale, etico o civile, anzi.
                              E starei anche buono sul fattore "politicamente scorretto, viva i personaggi sfaccettati" perché -e spero non sia questo il caso- con i governi che stanno nascendo in tutto il mondo mi fido poco del pubblico che va a vedere il film perché i personaggi sono sfaccettati.

                              Commenta


                              • #45
                                Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
                                Già è stato umiliante vedere Eastwood dover spiegare le immagini di American Sniper perché molta gente non aveva capito il film (Moore in primis con la sua osservazione sui cecchini).
                                Questa me la sono persa. Che ha detto Eastwood? Si può trovare in rete da qualche parte?

                                "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X