annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Captive State (Rupert Wyatt)

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Captive State (Rupert Wyatt)



    Focus Features ha diffuso online il trailer ufficiale di Captive State, pellicola diretta da Rupert Wyatt, già regista del reboot de Il Pianeta delle Scimmie.

    Il film, interpretato da John Goodman e Vera Farmiga, è ambientato in un quartiere di Chicago quasi 10 anni dopo l’occupazione di forze extra-terrestri. La storia esplora la vita di entrambe le parti del conflitto – i collaboratori e i dissidenti.

    Potete trovare il filmato nella parte superiore di questa pagina.

    Captive State uscirà in Italia day and date con gli Stati Uniti il 28 marzo distribuito da Adler Entertainment.


    Captive State uscirà in Italia day and date con gli Stati Uniti il 28 marzo distribuito da Adler Entertainment...
    “Fifteen years ago today, you lead us out of the darkness. You commanded the greatest rescue armada in history — then the unimaginable. What did that cost you? Your faith? Your faith in us? Your faith in yourself? Tell us: why did you leave Starfleet, Admiral?”

  • #2
     
    “Fifteen years ago today, you lead us out of the darkness. You commanded the greatest rescue armada in history — then the unimaginable. What did that cost you? Your faith? Your faith in us? Your faith in yourself? Tell us: why did you leave Starfleet, Admiral?”

    Commenta


    • #3
      48427946_2082424521815435_5278973157103894528_n.jpg?w=672&quality=85&strip=all&ssl=1.jpg
      “Fifteen years ago today, you lead us out of the darkness. You commanded the greatest rescue armada in history — then the unimaginable. What did that cost you? Your faith? Your faith in us? Your faith in yourself? Tell us: why did you leave Starfleet, Admiral?”

      Commenta


      • #4
        captive-state-poster.jpg?fit=1024%2C768&quality=85&strip=all&ssl=1.jpg
        captive-state-poster-2.jpg?fit=690%2C1024&quality=85&strip=all&ssl=1.jpg
        captive-state-excl.jpg?fit=1024%2C426&quality=85&strip=all&ssl=1.jpg


        “Fifteen years ago today, you lead us out of the darkness. You commanded the greatest rescue armada in history — then the unimaginable. What did that cost you? Your faith? Your faith in us? Your faith in yourself? Tell us: why did you leave Starfleet, Admiral?”

        Commenta


        • #5
           
          “Fifteen years ago today, you lead us out of the darkness. You commanded the greatest rescue armada in history — then the unimaginable. What did that cost you? Your faith? Your faith in us? Your faith in yourself? Tell us: why did you leave Starfleet, Admiral?”

          Commenta


          • #6
             
            “Fifteen years ago today, you lead us out of the darkness. You commanded the greatest rescue armada in history — then the unimaginable. What did that cost you? Your faith? Your faith in us? Your faith in yourself? Tell us: why did you leave Starfleet, Admiral?”

            Commenta


            • #7
               
              “Fifteen years ago today, you lead us out of the darkness. You commanded the greatest rescue armada in history — then the unimaginable. What did that cost you? Your faith? Your faith in us? Your faith in yourself? Tell us: why did you leave Starfleet, Admiral?”

              Commenta


              • #8
                Le prime recensioni che ho visto sono positive
                Luminous beings are we, not this crude matter.

                Commenta


                • #9
                  Insomma, una via di mezzo.

                  Read what all the top critics had to say about Captive State at Metacritic.com

                  Commenta


                  • #10
                    Il film per adesso è un grande flop al botteghino. Peccato, perché a giudicare dalle recensioni italiane sembra un buon film, diverso dalla solita proposta mainstream.
                    https://www.amazon.it/Dario-Argento-...+il+suo+doppio Il mio saggio sul cinema di Dario Argento.

                    "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

                    Commenta


                    • #11
                      a me non è piaciuto. Non che sia brutto, anzi e come ha detto Gidan è ben lontano dalle alternative mainstream, però è un film che scorre via senza lasciare nulla. Troppi personaggi e nessuno approfondito, la trama procede lentamente ma senza coinvolgere, l'elegante regia di Wyatt che tanto aveva ben impressionato ai tempi delle scimmie qui è presente solo a sprazzi e in altri punti - penso a una scena che coinvolge un bus - è confusa e mal girata e sembra uscita dall'ultimo predator. E' un film amorfo: non è abbastanza metaforico da poter essere considerato un film di fantascienza sociale (come district 9), non è minimamente cafone e tamarro da poter piacere agli appassionati di cinema mainstream. Curiosamente, l'impronta stilistica di Wyatt emerge solo nei titoli di coda, quasi uguali a quelli del pianeta delle scimmie

                      Commenta


                      • #12
                        “Fifteen years ago today, you lead us out of the darkness. You commanded the greatest rescue armada in history — then the unimaginable. What did that cost you? Your faith? Your faith in us? Your faith in yourself? Tell us: why did you leave Starfleet, Admiral?”

                        Commenta


                        • #13
                          “Fifteen years ago today, you lead us out of the darkness. You commanded the greatest rescue armada in history — then the unimaginable. What did that cost you? Your faith? Your faith in us? Your faith in yourself? Tell us: why did you leave Starfleet, Admiral?”

                          Commenta


                          • #14
                            visto ieri, a me non è dispiaciuto, la metafora mi è sembrata ben evidente, non è sociale ma geopolitica, quello che manca è un po’ di carisma nei personaggi
                            buono anche il finale, per me promosso
                            In qualche strana maniera noi svalutiamo le cose appena le pronunciamo. Crediamo di esserci immersi nel più profondo dell'abisso, e invece quando torniamo alla superficie la goccia d'acqua sulle punte delle nostre dita pallide non somiglia più al mare donde veniamo. Crediamo di aver scoperto una caverna di meravigliosi tesori e quando risaliamo alla luce non abbiamo che pietre false e frammenti di vetro; e tuttavia nelle tenebre il tesoro seguita a brillare immutato. (Maeterlinck)

                            Commenta


                            • #15
                              Le recensioni italiane che ho letto sono quasi tutte positive.

                              Commenta

                              In esecuzione...
                              X