annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Suspiria (2018)

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Guadagnino vorrai dire

    Commenta


    • Ovvio! Che lapsus!

      Commenta


      • Chiamami col tuo nome in Italia è stato distribuito e pubblicizzato proprio male. Tre milioni li ha fatti ma siamo sinceri sono il minimo sindacale che il primo film italiano candidato a best picture degli ultimi venti anni avrebbe potuto fare.
        Lo lanciarono in sole 140 copie. A Sorrentino non ne danno mai meno di 400.
        Suspiria finirà poco oltre il milione cioè nulla.

        Commenta


        • Sorrentino 400?

          PazziH. Ma poi Chiamani col tuo nome non uscì proprio dopo le nomination degli Oscar?
          Un po' di orgoglio italiano dico -.-

          Commenta


          • A questo punto inizio a dubitare che possa mai riuscire a trovare un pubblico pagante disposto a seguirlo in Italia.
            Ultima modifica di mr.fred; 11 gennaio 19, 09:40.

            Commenta


            • be' una mia amica è venuta a vedere Suspiria proprio perchè fan di guadagnino. Comunque sì, è decisamente troppo poco ahahaa.
              Sherry, orgoglio italiano per un regista omosessuale e radical chic? l'italiano medio piuttosto che supportare guadagnino si spara nei testicoli

              Commenta


              • Infatti Sorrentino per quanto faccia un cinema egualmente "noioso e presuntuoso" mette in scena le fantasie tipiche del maschio italiano: uomini brutti, vecchi e antipatici che si bombano le più belle tope del villaggio. Lo sguardo queer di Guadagnino deve essere quanto di più alieno dai gusti dell' italiano medio.

                Commenta


                • Secondo me è un paragone che al momento non ci sta. Sorrentino si è costruito la sua fortuna piano piano, partendo da Le conseguenze dell'amore, passando per Il divo e consolidandola con La grande bellezza. Loro è stato pubblicizzato malissimo, altrimenti avrebbe incassato di più.
                  Guadagnino è ancora un signor nessuno per la stragrande maggioranza degli italiani. Chiamami col tuo nome ha incassato bene ma più o meno come qualsiasi film in odore di Oscar, mentre pellicole come A Bigger Splash e Io sono l'amore non vedo per quale motivo avrebbero dovuto portare gente al cinema sinceramente. Per quanto riguarda Suspiria ... secondo me hanno sbagliato le tempistiche, fosse uscito ad Halloween sarebbe andato molto meglio.
                  "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da Gidan 89 Visualizza il messaggio
                    Secondo me è un paragone che al momento non ci sta. Sorrentino si è costruito la sua fortuna piano piano, partendo da Le conseguenze dell'amore, passando per Il divo e consolidandola con La grande bellezza. Loro è stato pubblicizzato malissimo, altrimenti avrebbe incassato di più.
                    Guadagnino è ancora un signor nessuno per la stragrande maggioranza degli italiani. Chiamami col tuo nome ha incassato bene ma più o meno come qualsiasi film in odore di Oscar, mentre pellicole come A Bigger Splash e Io sono l'amore non vedo per quale motivo avrebbero dovuto portare gente al cinema sinceramente. Per quanto riguarda Suspiria ... secondo me hanno sbagliato le tempistiche, fosse uscito ad Halloween sarebbe andato molto meglio.
                    ti quoto su tutto

                    Commenta


                    • L' uomo in più, Le conseguenze dell' amore e L' amico di famiglia sono stati tre flop.
                      E' solo con Il divo (uscito in 350 copie e preceduto da una grande campagna promozionale) che Sorrentino è stato scoperto dal grande pubblico e che è diventato "istituzionale" o come vuole il sentire comune il "più grande cineasta italiano". Dopo quel film ogni suo lavoro non è mai sceso sotto ai cinque milioni di euro (Loro 1 e Loro 2 li considero una sola cosa).

                      A Guadagnino non è bastato il trionfo internazionale di Chiamami col tuo nome per convincere i distributori italiani a puntare seriamente su di lui e bisogna ringraziare l' Academy se nonostante tutto è riuscito a rastrellare tre milioni. Il primo film italiano candidato a best picture degli ultimi venti anni distribuito in 135 copie, una barzelletta.
                      Con Suspiria, va beh, è stato fatto un disastro su tutta la linea.
                      Ultima modifica di mr.fred; 11 gennaio 19, 13:21.

                      Commenta


                      • Quanto è costato Suspiria?

                        Commenta


                        • Venti milioni, produce Amazon.

                          Commenta


                          • SPOILER ALERT
                            Spoiler! Mostra


                            Visto ieri. Per me Bocciato.
                            Mi spiego meglio...il film non è brutto...anzi è molto ben fatto per inquadrature, montaggio, intuizioni, recitazione (tranne alcuni casi), ricostruzione storica.
                            Ma sembra quasi che Guadagnino si vergognasse di fare un horror e abbia allora deciso di fare due film in uno.
                            Da un lato hai "This must be the place" con il Dott. Kepler. Conosci la sua solitudine, conosci il suo contesto storico. Etc.
                            Dall'altro, hai Suspiria.
                            Le continue pretese intellettuali di Guadagnino (legittime, nessuno dice che un horror non debba averne) smontano sistematicamente i meccanismi atti a incutere paura. Se mi metti la divisione in atti, continuamente, mi ribadisci che quel che sto vedendo è fiction, e mi smonti l'immedesimazione con i personaggi e la tangibilità del loro pericolo. Se nella scena più cruenta mi metti una musica romantica, mi fai capire che il tuo scopo in quel momento è insistere sulla malinconia di personaggi che scelgono il suicidio piuttosto che sull'orrore di ciò che stiamo vedendo.
                            In pratica, a Guadagnino non glie ne frega niente dell'horror. Lo rispetta, lo sa mettere in scena (le ragnatele giganti, e il sabba funzionano, cosi come la possessione nella sala degli specchi) ma non gli importa spaventare lo spettatore. Gli importa parlare di altro. E mi starebbe anche bene, intendiamoci. Ma se Argento, seguendo la strada di Bava, riusciva a fare arte attraverso l'horror, usando degli elementi pittorici mentre raccontava una storiella anche banalotta, qui Guadagnino spezza volutamente in due il racconto, non riuscendo ad amalgamare gli elementi se non nel quinto/sesto atto.
                            Persino il font usato per i titoli, piu che inquietare, sembra provenire da un film indie.
                            Purtroppo il film è molto superiore a quello di Argento come contenuti (interessante paragonare religione, politica, e convenzioni sociali al concetto di gruppo di streghe...siamo in effetti tutti plagiati dal nostro gruppo di appartenenza, a partire dalle nostre madri/famiglie), ma rende molto (molto) meno sul piano dell'effetto sullo spettatore. Spesso mi sono rigirato sulla poltrona e, badate, non perchè non mi piacesse ciò che vedevo (anzi, nel connubio tra critica sociale e horror mi ha ricordato gli albi del miglior Dylan Dog), ma perchè volevo vedere un horror....e qui di horror c'è solo il 50 per cento del film.
                            Persino la chiusura, mi è sembrata troppo "conciliatoria", piu adatta ad un film drammatico/romantico che non ad un horror.
                            E la scena dopo i titoli di coda è inutile. Non apre nessuna nuova possibilità che non fosse già contemplata.
                            L'incipit di questo film, inoltre, con la Moretz che, pur brava in altre prove, qui non riesce a rendere l'inquietudine del personaggio, finisce per impallidire rispetto all'incipit sopra le righe del Suspiria originale.
                            Qual'è la verità? Ciò che penso io di me, ciò che pensa la gente, o ciò che pensa il burattinaio?
                            Spoiler! Mostra

                            Commenta


                            • E' evidente che Suspiria non sia un horror vero e proprio ma un ibrido di più generi, per me decisamente affascinante e riuscito.

                              Commenta


                              • Il film visivamente sicuramente è d'impatto e ci sono sequenze che funzionano alla grande mentre in altre si sente la presenza della macchina da presa...comunque vorrei discutere un po' di alcune vicende del film anche per schiarire un po' gli intrecci del film.

                                Spoiler! Mostra



                                Voi cosa ne pensate?

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X